Cinema Leggero – Energia, bellezza, passione: gli antidoti del cinema al peso di vivere

A cura di e con Giovanni Ottonello (Art Director di IED, Architetto, esperto di Cinema, Moda, Design)

Ospiti Speciali: Edoardo Leo e Claudia Gerini

10, 15 e 29 giugno 2021 – Ore 19.00/20.15 con Google Meet

La vivacità e la mobilità dell’intelligenza sfuggono alla condanna della pesantezza. Italo Calvino

Spesso si fraintende il termine leggerezza, identificandolo con il superficiale, con lo sciocco chiacchiericcio e con la risata fine a sé stessa. Ma, come bene tratteggiava Italo Calvino, il suo concetto di leggerezza (e quello che in questo corso prendiamo a prestito) è, in realtà, quanto di più lontano da questa accezione. Non si tratta, infatti, di affidarsi alla vaghezza e al caos, quanto a reagire al “peso di vivere” e, attraverso l’approfondimento, approdare a un nuovo mondo da cui trarre le energie per modificare la realtà! Tutto questo, naturalmente, attraverso il cinema!

 

10 giugno: TI VA DI SOGNARE? Ospite Speciale: Edoardo Leo

Può un esordio essere leggero? Il sogno che si realizza che, nei casi più fortunati, spiana la strada per il futuro o, alla peggio, rimane un atto unico. Non solo al cinema, numerosi sono i giovani talenti che inseguono il sogno di vedere la propria opera consacrata dal successo di pubblico e critica. Una Lezione dedicata ai diversi tipi di esordi e alle diverse carriere che da questi si sono (o non si sono) sviluppate.

15 giugno: TI VA DI BALLARE?

In principio era il Musical. The Jazz Singer 1927 segna anche il passaggio dal muto al sonoro e l’amore del pubblico per Broadway e la magia del palcoscenico. Abbiamo tutti sognato e invidiato Ginger e Fred o, sotto un ombrello, imitato Gene Kelly.

Ma come non ricordare anche Sandy e Danny nel film più visto in Italia e meglio Usa nel 1978, ovvero Grease? Racconteremo la lunga storia del rapporto tra la settimana arte e la danza, simbolo della leggerezza per antonomasia, dove corpo, musica, passione, energia, dedizione, si intrecciano.

20 giugno: TI VA DI RIDERE? Ospite Speciale: Claudia Gerini

Un errore comune è considerare il genere comico come una commedia che “fa più ridere”. Le sue origini sono completamente diverse: è stato funzionale – almeno all’inizio – all’alleggerimento di storie più drammatiche attraverso veri e propri siparietti, prima di diventare un vero e proprio genere. Da Buster Keaton a Checco Zalone la dirompente energia scaturita dai corpi e dalle veloci battute hanno creato veri e propri cult, senza tempo. Leggera e contagiosa, quanto condivisa, la voglia di ridere non conosce confini, né di tempo, né di spazio.

 

Il corso si rivolge a tutti gli appassionati di cinema

officine@ied.it